Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitici necessari al funzionamento del sito ed al miglioramento dell’esperienza di navigazione dell’utente. Continuando la navigazione sul Sito l’Utente avrà acconsentito all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per modificare la tua scelta seleziona il link di riferimento...

La Sicilia - 5 settembre 2009

 

RIPOSTO. Comitato spontaneo accusa l’Amministrazione

Contrada Gancia è braccio di ferro

«L’Azienda foreste voleva gestire il terreno e invece vogliono venderlo». Il sindaco: «C’è chi la pensa così»

Alza la voce il comitato spontaneo «Salviamo contrada Gancia» all’indirizzo dell’amministrazione comunale del sindaco Carmelo Spitaleri, accusata di non aver mai risposto all’offerta di disponibilità dell’Azienda foreste demaniali «a realizzare con una semplice convenzione decennale col Comune, un parco ex novo e a gestirlo senza alcuna spesa per il Comune che, comunque, continuerebbe a conservare la proprietà del terreno ».

    «L’amministrazione non ha mai risposto a un’offerta tanto allettante - lamenta in una nota il Comitato - ma, con la finalità di prevenire ipotetici incendi a estate già inoltrata, è intervenuta pesantemente sul terreno in oggetto, come mai era stato fatto prima, stravolgendo e distruggendo completamente la macchia mediterranea del terreno di contrada Gancia, area, ricordiamo, soggetta a vincolo paesaggistico e il cui valore naturalistico è ritenuto dagli esperti unico e inestimabile». L’amministrazione è orientata a vendere il terreno per ricavarne 12 milioni di euro da destinare a investimenti.

  Ricorda il Comitato: «Amministratori precedenti, attenti alla difesa del territorio da illegali speculazioni, avevano acquisito quel territorio al patrimonio comunale, evidentemente consapevoli che tale bene dovesse essere posto a disposizione della comunità ripostese e non solo, soprattutto per la bellezza paesaggistica e l’importanza naturalistica di quegli 11 ettari di verde tra la provinciale Riposto-Acireale e il mare». Si chiede: chi ripagherà i ripostesi di tanto danno? Perché tanta ansia di vendere se il Comune non è minimamente in deficit finanziario? Perché privare Riposto di un meraviglioso polmone verde e di un parco realizzato e gestito a costo zero?

«E’ legittima la costituzione di un comitato a difesa di contrada Gancia - replica Spitaleri - ma esiste anche un comitato per la vendita di contrada Gancia, costituito da cittadini e componenti di associazioni che, apertamente, sostengono il progetto di vendita e che, peraltro, si riunirà venerdì 11 settembre. L’amministrazione valuterà tutti gli aspetti del problema e adotterà le proprie scelte»

SALVO SESSA

Prossimi Appuntamenti

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31