Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitici necessari al funzionamento del sito ed al miglioramento dell’esperienza di navigazione dell’utente. Continuando la navigazione sul Sito l’Utente avrà acconsentito all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per modificare la tua scelta seleziona il link di riferimento...

 

WWF logo

 

clima190

 

clima190

 

1.190

 

WWF EDUCAZIONE AMBIENTALE EVENTI E MANIFESTAZIONI ESCURSIONI

Le ultime notizie a portata di CLICK

 

 Conoscere l'ambiente in cui viviamo  Glie eventi più importanti a cui partecipare  Le nostre escursioni alla scoperta del territorio

Canti e suoni nel bosco

Eventi
Data: 19 Maggio 2019 09:00 - 17:30

Luogo: Bosco Cubania

“Canti e suoni nel bosco”
8º edizione

(Parco dell’Etna -Bosco Cubania)
Strada Mareneve da Fornazzo (Milo)
(Escursione con auto proprie)

Anche quest'anno si propone l'esperienza dell'ascolto del canto degli uccelli, esseri alati che nella storia dell'umanità sono stati sempre presenti in opere letterarie e artistiche come simboli (uccelli come messaggeri divini e le loro ali il mezzo per elevarsi verso il divino) e come protagonisti di miti (il cigno Zeus e Leda) e leggende (lo scricciolo che porta il fuoco agli uomini).
Ascoltare il loro canto richiede pazienza e concentrazione e, lontano dai rumori che pervadono la nostra quotidianità, possiamo imparare a riconoscerli e così riuscire, durante una passeggiata nel bosco o nel parco urbano, ad esclamare:<è un merlo! È una capinera!> così come esclamiamo : <è Verdi! È Bellini!> quando sentiamo un
frammento delle loro opere. La comprensione del canto degli uccelli abbellisce il nostro "paesaggio interiore" e nel contempo celebra la bellezza del mondo sensibile. Nella simbologia di molte culture il canto di ogni uccello evoca un sentimento: la capinera canta la felicità futura, l'allodola loda dio, la civetta e altri rapaci notturni col loro verso inducono disagio, amplificano il buio della notte portatrice di sfortuna.
Oggi accosteremo i suoni, articolati in canti, degli abitanti del bosco ai suoni riprodotti dall'uomo mediante strumenti augurando che sia l'inizio di un cammino personale che ci porti ad essere più consapevoli del valore del silenzio e dei suoni che lo riempiono rendendo più bella la vita quotidiana.
(Giuseppe De Giorgio)

Chi ha già frequentato le trascorse edizioni di “Canti e suoni nel bosco” sa bene, perché non ci siamo stancati di comunicarlo, che il nostro punto di riferimento è stato il grande violoncellista Mario Brunello ** che sin da quando ha cominciato a far musica in montagna, in alta montagna, con " I Suoni delle Dolomiti " è risalito con lo strumento in spalla per sentieri conosciuti e solitari per far incontrare la buona musica con chi ha voglia di ascoltare con la giusta attenzione e spirito adeguatamente predisposto.
Tale premessa per sottolineare che ultimamente è apparsa sui “social” la richiesta di Jovanotti di esibirsi, molto probabilmente con amplificazione, sul Plan de Corones (m. 2275 Alto Adige) e l’opposizione del grande dell’alpinismo Reinhold Messner, suscitando schieramenti a favore dell’uno o dell’altro. Non vogliamo prendere decisioni pro o contro tale evento (li conserviamo nella nostra testa e nel nostro cuore) ma quest'anno vi invitiamo a partecipare ancora di più che in passato a “ Canti e suoni nel bosco“ con spirito meditativo e riflessivo, scevro da “escursionismo domenicale" e con approccio rinunciatario allo spettacolo fine a se stesso, perché dovremmo incontrare, nientemeno, che gli uccellini del bosco con i loro canti e poi…tanti giovani e valenti strumentisti che con i loro clarinetti studiano e pensano di interpretare la musica classica, immortale, tradizionale o no, forse alla maniera di Mahler, ricorrendo agli impalpabili e sfuggenti “suoni di natura” (Naturlaut secondo Mahler).


** Il grande pioniere della rappresentazione artistica tra la natura, il violoncellista di fama mondiale Mario Brunello, colui il quale invita gli appassionati di musica ad avvicinarsi all’escursionismo e gli escursionisti ad ampliare la conoscenza dei “suoni tra le montagne” tra l’altro dice che gli piacerebbe : “ … l’ascolto della musica in questi ambienti di montagna non fosse solo suggestione bensì la consapevolezza di vivere una esperienza comune, che si può riassumere con l’amore per la montagna stessa”.

 

“Un addentrarsi nell’ascolto di regni misterios, un tendere l’orecchio alle voci della vita e della natura immota, in dialogo con la Madre Terra” (R. Specht: G. Mahler, 1913)

Musica scritta magari da compositori che non potevano immaginare la cosiddetta "amplificazione". (Egidio Mangano)

Il concerto dal vivo, quando il sole raggiungerà lo zenit, sarà tenuto dall’ENSEMBLE DI CLARINETTI CÀLAMUS formato da circa 20 elementi (CARMELO DELL’ACQUA Direzione musicale, MARTA ROMEO Soprano, ANDREA PRIVITERA Tromba, DANIELA FERRARELLO Danzatrice, FRANCO BARBANERA Gaita galiziana - cornamusa -).
Il CLARINETTO è uno strumento musicale a fiato e appartiene alla famiglia dei legni, poiché questo strumento è costituito da un legno, in legno nero molto particolare... l'ebano.
Musiche di Haendel – Haydn – Mozart – Rossini – Puccini – Verdi.

PROGRAMMA:
-ore 7:45 raduno in Piazza Carmine a Giarre;
-ore 8:00 partenza;
-ore 8:30 raduno a Fornazzo inizio strada Mareneve;
-ore 9.00/11:00 escursione finalizzata all’ascolto dei canti degli uccelli del bosco in compagnia dell’ornitologo dott. Renzo Ientile
dell’Università di Catania;
(la partenza in prima mattinata consentirà l’ascolto del canto degli uccelli, che in seconda mattinata diminuiscono sensibilmente di numero)
-ore 11:30 raduno dei partecipanti sul piazzale di Case Paternò (Cubania) per l’ascolto musicale;
-ore 13:30 pranzo;
Nel pomeriggio ci sarà la possibilità di fare una salutare passeggiata per affacciarsi sulla Valle del Bove, dal Monte Scorsone.
-Rientro previsto a Giarre ore 17:30 (circa).

Livello difficoltà dell’escursione: facile.

Pranzo al sacco.

Attrezzatura consigliata: scarpe da trekking , abbigliamento consono alla stagione, k-way, berretto, macchina fotografica, binocolo.
Per prenotazioni e informazioni sull’escursione telefonare entro il 16 maggio a: Vita Raiti Tel. 347 9346853 e Luciano Vasta tel. : 328 7019775 .

 

Sito internet
Luogo
Parco dell'Etna

 

Altre date


  • 19 Maggio 2019 09:00 - 17:30

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Powered by iCagenda

Prossimi Appuntamenti

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30