Questo sito utilizza cookie tecnici ed analitici necessari al funzionamento del sito ed al miglioramento dell’esperienza di navigazione dell’utente. Continuando la navigazione sul Sito l’Utente avrà acconsentito all’uso dei cookie. Per maggiori informazioni o per modificare la tua scelta seleziona il link di riferimento...

 

WWF logo

 

clima190

 

clima190

 

1.190

 

WWF EDUCAZIONE AMBIENTALE EVENTI E MANIFESTAZIONI ESCURSIONI

Le ultime notizie a portata di CLICK

 

 Conoscere l'ambiente in cui viviamo  Glie eventi più importanti a cui partecipare  Le nostre escursioni alla scoperta del territorio

Grotta dei Santi - Cava dei Servi - Ipogeo di Calaforno

Escursioni
Data: 7 Aprile 2019 07:45 - 19:00

E’ nel territorio del comune di Ragusa che questa volta andremo a cercare e visitare una serie di insediamenti umani che testimoniano lo scandire del tempo attraverso secoli, non trascurandone, com’è nostra consuetudine, l’aspetto naturalistico presente. Sul fianco meridionale di quello che viene chiamato Colle dei Santi nella parte alta della Cava dei Volaci si trova il complesso rupestre della Grotta dei Santi. Una sosta e una visita consentiranno di conoscere uno dei tanti piccoli tesori del passato disseminati sull’altopiano Ibleo. Di particolare interesse, non solo naturalistico è la valle chiamata Cava dei Servi, una delle tante incisioni originatesi a seguito dell’incessante azione meccanico- abrasiva e chimico-dissolutiva che le acque meteoriche hanno esercitato nel corso dei secoli sui teneri calcari iblei. Il fiume Tellesimo che vi scorre all’interno ha creato una serie di ambienti diversi, profondi gorghi si alternano a impervi tratti lungo il letto del fiume. Una ricca vegetazione ripariale, in cui predomina il platano orientale, è presente nelle zone più vicine all’acqua lasciando il posto a boschetti di leccio nei tratti addossati alle pareti della cava. La presenza di un Ddiere realizzato all’interno della cava e, nella parte alta, di un piccolo dolmen in cui sono stati ritrovati cocci castellucciani insieme a resti umani fanno registrare il passaggio dell’uomo in epoche passate. Sulla sponda sinistra del ruscello S. Giorgio e lungo le pendici meridionali di Piano Marna si apre una cavità che per lungo tempo, negli anni passati, è stata scambiata per una tana di animali selvatici. Fu grazie all’intraprendenza di un giovane archeologo che negli anno ’70 del secolo scorso, venne alla luce un sito cimiteriale costituito da una bassa serie di camerette intercomunicanti databile nella seconda metà del III millennio a.C. che probabilmente rappresenta un unicum nel patrimonio archeologico siciliano.

Programma: ore 7.45 raduno in Piazza Carmine a Giarre – ore 8.00 partenza – ore 9:30/17.00 escursione – rientro previsto ore 19.00 circa

Attrezzatura: scarpe da trekking, abbigliamento consono alla stagione, k-wai, berretto

Livello dell’escursione: medio

Pranzo al sacco

Per prenotazioni, costi e informazioni sull’escursione telefonare a:
Salvo Quattrocchi: 335 7671970.

N.B. non si terrà conto delle prenotazione fatte su Facebook

 

Sito internet

 

Altre date


  • 7 Aprile 2019 07:45 - 19:00

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Powered by iCagenda

Prossimi Appuntamenti